l cavallo domestico che scappa, molto difficile da prendere e in alcuni casi in pascoli molto ampi impossibile, è un soggetto molto sfiduciato che alterna momenti di terrore e paura a una più consapevole possibilità di fuga per sottrarsi al contatto con l’uomo. L’occasione di questa mattina mi ha dato modo di verificarmi e confermarmi in risposta all’interrogativo che mi pone come interlocutore-mediatore tra la domanda di contatto con l’animale e la sua continua risposta di fuga: un soggetto di razza argentina femmina con spiccata predisposizione alla fuga e un continuo stato di allerta verso qualunque stimolo. Un’efficace comunicazione corporea (cinesico-prossemica) ed una strategia di attacco e ritirata consentono di mettere l’animale in condizione di pensare, destrutturando i suoi schemi mentali. Come? Azioni precise e movimenti mirati di avvicinamento e allontanamento ad ogni sua esitazione. Ciò mi ha permesso in poco più di mezz’ora di avvicinarlo e toccarlo con cenni di cessione della sua testa ogniqualvolta mi allontanavo.

Si tratta di una esperienza di gran lunga superiore a qualunque tentativo di contenimento ottenuto con attrezzature coercitive quali corde, lazzi ecc. Questo a convalida del fatto che la risposta etologica di adattamento ad una situazione psicologica invalidante, come il terrore della cavalla di essere catturata con il conseguente contenimento claustrofobico, può essere risolta in modo parziale o definitivo a secondo dei soggetti trattati; ma non dimentichiamo che l’interlocutore umano ha la responsabilità maggiore, quale mediatore tra la problematica animale e l’ambiente come possibilità di recupero.

Non posso esimermi dal credere, a conferma di molti lavori portati a termine con successo su cavalli diversi, che l’animale vada convinto a dare una risposta e mai costretto, di modo che questa divenga la migliore possibilità di scelta per le sue future azioni.

La comunicazione in libertà è una possibilità intelligente per vivere momenti di vera autenticità tra noi e l’ambiente, strumento il cavallo: problematico o facile che sia. L’interazione uomo cavallo da senso alle cose e la consapevolezza di sapersi amici appiana la distanza che separa le due diverse specie.

Dr. Michele Maglia

 

 

pagina precedente

 

 

Visit in Ladbrokes bingo information.

Subscribe to Newsletter